Articoli

Il fuoriclasse olandese poi va a vincere in volata. Thomas Pesenti chiude la tappa 19° nel gruppo di testa. 

25/02/2022 – Questa Settimana Internazionale Coppi e Bartali continua a regalare al Team Beltrami TSA – Tre Colli giornate difficili da dimenticare. Oggi, nella 4^ tappa con partenza e arrivo a Montecatini (158 chilometri), Andrea Piras è stato fra i protagonisti della fuga che ha a lungo animato la giornata.
Una fuga dapprima di sei uomini, partita subito dopo il via, alla quale poi si è aggiunto nientemeno che Mathieu Van der Poel: l’olandese è uscito dal gruppo, ha recuperato due minuti e mezzo e poi ha pedalato con i fuggitivi fino a una dozzina di chilometri dal traguardo, quando è scattato in salita per cercare la vittoria in solitaria. VdP è stato però ripreso dal gruppo di testa (nel quale c’era anche il nostro Thomas Pesenti) a dieci dall’arrivo, ma ha trovato le forze per dominare comunque la volata e prendersi il successo.

Per Andrea Piras una fuga di 120 chilometri che gli permette di lasciare il segno in una “Coppi e Bartali” nella quale si è ben comportato fin dalla prima tappa. Al corridore brianzolo classe 2003 anche l’orgoglio di aver pedalato in fuga con Mathieu Van der Poel: “Quando alla radio mi hanno detto che Van der Poel stava rientrando, ho sperato solo che non accadesse mentre eravamo in salita, perché sapevo che avrebbe avuto una marcia in più nonostante lo sforzo – spiega Andrea -. Ha fatto un numero incredibile: è uscito dal gruppo tutto solo, si è portato su di noi, ha staccato tutti in salita, è stato ripreso e poi ha vinto in volata. Un’emozione e un onore essere stato in fuga con lui. Sono contento della mia prestazione di oggi e in generale della mia “Coppi e Bartali”. Sto bene e si vede, voglio continuare così”.

Pesenti, come detto, anche oggi è rimasto nel gruppo dei migliori, chiudendo in 19^ posizione. 
Il fontanellatese si conferma una delle rivelazioni di questa Settimana Internazionale Coppi e Bartali, che si chiude domani con l’ultima tappa da Casalguidi a Cantagrillo, in provincia di Pistoia. Non ci saranno Matteo Freddi e Michael Vanni, che oggi si sono ritirati dopo gli enormi sforzi dei giorni scorsi.


23/03/2022 – Anche a Longiano, nella seconda tappa della Settimana Internazionale Coppi e Bartali, Thomas Pesenti è stato capace di tenere le ruote dei migliori in salita, restando nel gruppetto dei 17 corridori che si sono giocati la vittoria, andata all’inglese Ethan Hayter della Ineos Grenadiers. Per il parmense del Team Beltrami TSA-Tre Colli è arrivato il 14° posto, un altro piazzamento eccezionale se si considera il livello elevatissimo dei partecipanti a questa gara a tappe (che si conclude sabato).
Pesenti, in una tappa con tante salite non lunghe ma dure, è stato capace di reggere il ritmo imposto da Geraint Thomas, vincitore di un Tour de France, che ha fatto il passo per molti chilometri in aiuto dei suoi compagni della Ineos.

Il ritmo dei più forti ha via via assottigliato il gruppo di testa, dal quale si è staccato perfino Mathieu Van der Poel (30° al traguardo a 1’09”).
Pesenti è l’unico portacolori di una squadra Continental ad essersi piazzato fra i primi trenta e sul traguardo ha perfino preceduto Vincenzo Nibali, sedicesimo.
Un’altra prestazione superlativa, grazie alla quale è nono in classifica generale, quinto in quella dei giovani alle spalle di corridori come Hayter, Tulett e Hirschi.

Oggi è stata una tappa durissima – spiega Pesenti -, ma la è stata per tutti e l’ordine d’arrivo lo testimonia. Non ho mai mollato e alla fine, nel gruppetto, sono rimasto a ruota senza fare la volata: ho dato il massimo e sono contentissimo così. Sto vivendo giorni bellissimi: domani ci attende un’altra tappa dura. Vedremo…”

Domani la terza tappa, con partenza e arrivo a San Marino: è la frazione più dura di questa Coppi e Bartali.

22/03/2022 – Thomas Pesenti non smette di stupire: dopo il quinto posto di sabato alla “Per sempre Alfredo”, il parmense classe ’99 del Team Beltrami TSA-Tre Colli oggi è riuscito ad ottenere un sesto posto, nella prima tappa della Settimana Internazionale Coppi e Bartali (a Riccione) che ha un peso specifico addirittura maggiore.
Perché Pesenti era nel gruppetto di venti corridori rimasti all’inseguimento di Schmid e Dunbar (arrivati in quest’ordine al traguardo) fra cui c’erano fuoriclasse come Mathieu Van der Poel, Geraint Thomas e Vincenzo Nibali. E Pesenti non solo è rimasto con loro, ma ha anche fatto la volata alla ruota dell’asso olandese, chiudendo quarto nel gruppetto e sesto nell’ordine d’arrivo, precedendo addirittura Diego Ulissi (e Marc Hirschi). L’alfiere della Beltrami TSA-Tre Colli era l’unico di una squadra Continental in quel gruppo dei big.

Prestazione davvero eccezionale, che conferma il grande stato di forma del ragazzo di Fontanellato, già brillante lo scorso 2 marzo al Trofeo Laigueglia (chiuse 23°).

“Dire che siamo felici è poco – commenta il team manager della formazione emiliana, Stefano Chiari -. Questo risultato è davvero eccezionale e supera perfino il quinto posto di sabato. Questa Coppi e Bartali ha un livello altissimo, e vedere un nostro ragazzo reggere il ritmo di certi campioni e fare perfino la volata con loro, è una di quelle cose che ripaga del tanto lavoro fatto. In questi anni abbiamo seminato tanto, ma raccolto meno di quel che avremmo meritato. Giornate così rimettono un po’ le cose a posto. E vale, ovviamente, anche per Thomas: è con noi dal 2018, si è messo tante volte a disposizione dei compagni, con generosità, mentre altre volte ha avuto sfortuna. Quest’inverno ha lavorato sodo e ora finalmente raccoglie delle belle soddisfazioni. Siamo contenti anche per i nostri sponsor, che attraverso queste gare e queste prestazioni hanno una grande visibilità”.

Sintesi della tappa di oggi dalle 19 su RaiSport. La frazione di domani andrà da Riccione a Longiano, tutta in Romagna, di 165 chilometri. Il Team Beltrami TSA- Tre Colli ripartirà con tutti i suoi 7 atleti in gara, visto che tutti hanno finito senza problemi la prima tappa, compresi i due del primo anno (classe 2003) Matteo Lovera e Michael Vanni.
L’ordine d’arrivo