5/3/2020 – Il Gran Premio di Larciano per professionisti, al quale il Team Beltrami TSA – Marchiol avrebbe dovuto partecipare domenica nel Pistoiese, è stato annullato in seguito al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo e al confronto fra organizzatori e prefettura competente (così come è stata annullata la “Strade Bianche” di Siena che si sarebbe disputata sabato). Decisioni che erano nell’aria dopo gli sviluppi degli ultimi giorni. Annullate anche tutte le gare per Dilettanti previste nel weekend.
le decisioni relative alle altre gare da qui al 3 aprile (data fino alla quale ha effetto questo decreto) verranno presumibilmente ufficializzate nei prossimi giorni. Le gare ciclistiche infatti rientrano fra gli eventi che potrebbero teoricamente disputarsi, ma solo in assenza di pubblico e a patto che gli organizzatori garantiscano “i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano”. Requisiti piuttosto complessi da soddisfare in uno sport per sua natura itinerante come il ciclismo.

Il Team Beltrami TSA – Marchiol avrebbe in calendario, oltre al Gp di Larciano, anche il Memorial Polese nel Trevigiano sabato 14, la Popolarissima di Treviso, la Cronosquadre della Versilia (entrambe il 15 marzo) e la Settimana Internazionale Coppi e Bartali, in Romagna e Toscana dal 25 al 29, fino alla Piccola Sanremo (nel Vicentino) sempre il 29. 

Occorre premettere che la salute e la risoluzione di questa emergenza sono più importanti dello sport – spiega il team manager Stefano Chiari -. Quindi, come tutti, auspichiamo che queste misure si rivelino efficaci. Da parte nostra attendiamo di sapere se qualcuna delle gare che avevamo in programma si potrà in qualche modo disputare. È ancora presto per vagliare l’ipotesi di correre all’estero, anche perché allo stato attuale c’è solo grande incertezza e il rischio che poi insorgano complicazioni in eventuali viaggi fuori dall’Italia. Al momento quindi l’unica cosa che possiamo fare è proseguire nel lavoro quotidiano: i ragazzi continuano ad allenarsi, ognuno a casa propria, seguiti a distanza dal nostro staff tecnico, come del resto già avviene in molti momenti della stagione. Ai ragazzi ho chiesto di restare concentrati sui loro programmi di allenamento, che ovviamente verranno leggermente modificati in funzione delle mancate gare, e cercare di farsi trovare pronti quando sarà di nuovo il momento di attaccarsi il numero sulla schiena”.

Primissima gara fra gli Under 23 e primo piazzamento nei dieci per il bresciano Federico Chiari, che oggi nel Gp Industria di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, si è classificato al sesto posto nella volata vinta dal veronese Enrico Zanonello (Zalf).
Un risultato davvero incoraggiante quello ottenuto dall’atleta classe 2001 di Castel Mella, approdato al Team Beltrami Tsa – Marchiol quest’inverno dopo due anni fra gli Juniores con la maglia del Team Giorgi. Per la formazione del tm Stefano Chiari (solo omonimia quella fra lui e Federico) è da registrare anche l’11° posto ottenuto dal ravennate Filippo Baroncini, classe 2000.
La gara di oggi in terra marchigiana è stata l’unica per Dilettanti ad essersi disputata in Italia, complice la cancellazione degli altri appuntamenti per l’emergenza Coronavirus. Una prova che si disputava su un circuito pianeggiante di 3,5 chilometri da percorrere 30 volte, per un totale di 105, risoltasi come prevedibile in volata.
Dei sette atleti in maglia Beltrami TSA – Marchiol, Chiari non era l’unico debuttante: prima gara fra gli Under 23 anche per il vicentino Davide Cattelan, per il bergamasco Luca Cretti e per l’altro bresciano Matteo Freddi.

Non si può che essere felici quando un ragazzo fa il suo debutto in una categoria e centra immediatamente un piazzamento – spiega il ds Orlando Maini -. Per di più, Federico è l’unico “primo anno” ad essersi inserito nei dieci, questo rappresenta un ulteriore valore aggiunto. Bravo anche Baroncini che ha colto l’undicesima posizione; due risultati che, in mancanza di un velocista puro, ci fanno tornare a casa soddisfatti. Anche perché, in generale, la condotta di gara è stata buona, i ragazzi si sono mossi bene e nelle azioni di “disturbo” più importanti ci sono sempre stati”.

ORDINE D’ARRIVO:

1 Enrico Zanoncello (Zalf Euromobil Desiree Fior)
2 Nicolas Gomez Jaramillo (Col – Colpack Ballan)
3 Tommaso Fiaschi (Zalf Euromobil Desiree Fior)
4 Matteo Baseggio (General Store)
5 Filippo Tagliani (Zalf Euromobil Desiree Fior)
6 Federico Chiari (Beltrami Tsa Marchiol)
7 Cristian Rocchetta (General Store)
8 Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Fc Nibali)
9 Moreno Marchetti (Casillo Petroli Firenze Hopplà)
10 Alessio Brugna (Zalf Euromobil Desiree Fior)


Il Team Beltrami TSA – Marchiol torna in gara domani (domenica 1 marco) a Civitanova Marche, dove va in scena l’unica gara per Dilettanti (Elite e Under 23) che non è stata annullata a causa de Coronavirus.
L’8° Gran Premio Industria di Civitanova Marche – 3° Memorial Cesare Lattanzi, di fatto, è rimasto in bilico per tutta la settimana, ma alla fine è arrivato il via libera allo svolgimento. La squadra del team manager Stefano Chiari, che originariamente avrebbe dovuto essere impegnata oggi nel Memorial Polese e domani nel Gp Ceda, entrambe in provincia di Treviso ed entrambe rinviate, ha così virato sulla provincia di Macerata.
Una gara che si disputerà su un circuito di 3,5 chilometri da ripetere trenta volte, per un totale di 105 chilometri, con partenza fissata alle 14,30.

Sette gli atleti in maglia giallogrigiorossa: a Filippo Baroncini, Marco Grendene e Nicolò Parisini si aggiungono, per il debutto stagionale nonché per la prima gara fra gli Under 23, quattro classe 2001: il vicentino Davide Cattelan, il bresciano Federico Chiari, il bergamasco Luca Cretti e l’altro bresciano Matteo Freddi.

“Il mondo e l’Italia stanno attraversando un momento davvero complicato – spiega il tm Stefano Chiari -. In un certo senso, tornare a correre significa tornare alla normalità, per quanto possibile. Lo sport deve essere sempre un momento di festa, anche domani sarà così e ci farà bene tornare a concentrarci sull’impegno agonistico. Venendo alla prestazione, ci manca un velocista puro, ma abbiamo comunque la condizione per provare a fare qualcosa di buono”.

Intanto, in Turchia, Matus Stocek gareggerà oggi e domani con la maglia della nazionale slovacca, che lo ha convocato per il Grand Prix Velo Alanya e per il Grand Prix Manavgat – Side.

8° GP INDUSTRIA DI CIVITANOVA MARCHE (1/3): Filippo Baroncini, Davide Cattelan, Federico Chiari, Luca Cretti, Matteo Freddi, Marco Grendene, Nicolò Parisini.

25/2/2020 – Per Gregorio Ferri questa stagione è cominciata in salita. Il corridore bolognese classe 1997 del Team Beltrami TSA – Marchiol, dopo un grande 2019 (quattro vittorie e cinque secondi posti, con tanto di partecipazione in azzurro ad Europei e Mondiali Under 23), è infatti alle prese con i postumi della mononucleosi.
Ferri ha debuttato all’Etoile de Bessèges, in Francia, dal 5 al 9 febbraio, dove un anomalo ed eccessivo senso di fatica in gara ha fatto suonare il campanello d’allarme: “Gregorio non si sentiva nelle migliori condizioni già prima di partire per Bessèges – spiega il dottor Giulio Tempesti, medio sociale del Team -, sensazioni confermate nel corso della gara francese. Al suo rientro quindi lo abbiamo sottoposto ad una serie di esami, fra cui il test per la mononucleosi. Quest’ultimo ha stabilito che ne è stato affetto all’incirca fra dicembre e gennaio, ora è guarito ma deve osservare un periodo di riposo. I tempi di recupero, com’è normale che sia, variano da persona a persona, quindi li valuteremo cammin facendo”.

Tutti conosciamo il valore di Ferri come atleta – le parole del team manager Stefano Chiari -, perché nel recente passato ha mostrato a più riprese le sue grandi qualità. Questo intoppo complica la sua prima parte di stagione e ne siamo dispiaciuti innanzitutto per lui, che ci teneva ad iniziare bene il 2020 con l’obiettivo di mettersi in luce anche nelle gare per professionisti alle quali partecipiamo. Il nostro staff medico e tecnico lo sta seguendo con la massima attenzione, in modo da mettere a punto il percorso che lo porterà al rientro. La stagione è ancora lunga e noi lo aspettiamo”.

22/02/2020 – Il Team Beltrami TSA – Marchiol centra il piazzamento nella top-10 alla 96^ edizione della Coppa San Geo, classica bresciana che ha aperto la stagione dei Dilettanti in Italia, dove il ravennate (classe 2000) Filippo Baroncini ha ottenuto la nona posizione. La gara (Nazionale per Elite e Under 23), con partenza a Calcinato e arrivo a Bedizzole, è stata vinta dal veronese Enrico Zanoncello (Zalf), che ha preceduto Filippo Bertone (Iseo) e Francesco Di Felice (Sangemini) in una volata condizionata da una caduta a poco più di quattrocento metri dall’arrivo, che ha coinvolto anche Nicolò Parisini. Il pavese del Team Beltrami era ben piazzato in vista dello sprint finale, che però non ha potuto disputare. Per lui, fortunatamente, solo escoriazioni e lievi contusioni.
Ad affrontare la volata è stato comunque Baroncini, che ha chiuso appunto in nona piazza.
Una prestazione complessivamente di spessore per la squadra diretta da Roberto Miodini: nelle due fughe di giornata le maglie giallogrigiorosse erano sempre presenti, prima con Marco Grendene (tentativo di una ventina di atleti nella prima metà di gara), poi con Massimo Orlandi, rientrato da solo su tre atleti che avevano preso il largo. Un tentativo che è stato spento dalla rimonta del gruppo ad una decina di chilometri dal traguardo.

Nel complesso non posso che essere soddisfatto di quello che oggi hanno fatto i ragazzi – commenta il ds Miodini -. Non avevamo un velocista puro, per cui era difficile pensare di vincere in caso di arrivo allo sprint, ma probabilmente avremmo potuto ottenere anche qualcosa in più se Parisini avesse avuto meno sfortuna. Puntavamo ad “allungare” la volata, ma la concorrenza era tanta, tutti volevano stare davanti e la caduta di Parisini ha scombinato i piani. In ogni caso entrare tra i primi dieci in una gara Nazionale è sempre un buon segnale. Siamo stati ben presenti in tutte le fasi della gara, prima con Grendene e poi con Orlandi, che ha fatto davvero un bel numero. Per quanto ho visto oggi e, più in generale, all’Etoile de Bessèges e al Trofeo Laigueglia, sono convinto che le soddisfazioni presto arriveranno”.

ORDINE D’ARRIVO:

  1. Enrico ZANONCELLO (Zalf Euromobil Fior)
    km 157 in 3.30.35, media 44,733 kmh
  2. Filippo Bertone (Iseo Serrature Rime Carnovali)
  3. Francesco Di Felice (Sangemini Trevigiani)
  4. Elia Menegale (Delio Gallina Colosio Eurofeed)
  5. Daniel Smarzaro (General Store Essegibi)
  6. Davide Colnaghi (Named Rocket)
  7. Andrea Colnaghi (Named Rocket)
  8. Moreno Marchetti (Casillo Petroli Firenze Hopplà)
  9. Filippo Baroncini (Beltrami TSA Marchiol)
  10. Stefano Di Benedetto (Pedale Scaligero)

20/02/2020 – Sabato e domenica parte la stagione dei Dilettanti in Italia: il Team Beltrami TSA – Marchiol, che ha già iniziata il suo 2020 agonistico tra i professionisti, prima all’Etoile de Bessèges (in Francia) e poi domenica scorsa al Trofeo Laigueglia, sarà impegnato sabato nel Bresciano per la 96^ Coppa San Geo e domenica a Castello Roganzuolo, in provincia di Treviso, nel 19° Gp De Nardi.

Sabato, guidati dal ds Roberto Miodini, avranno spazio agli elementi di maggior esperienza della squadra, che si schiera al via con il romagnolo Filippo Baroncini, il bolognese Massimo Orlandi, il vicentino Marco Grendene, il pavese Nicolò Parisini, il parmense Thomas Pesenti e lo slovacco Matus Stocek, i quali hanno già gareggiato all’Etoile de Bessèges e al Trofeo Laigueglia. Ancora fermo ai box Gregorio Ferri, non nelle migliori condizioni di salute. La gara bresciana quest’anno vedrà partenza e arrivo a Ponte San Marco, con il via fissato alle 12.30 e 155 chilometri da percorrere, su un tracciato che, in teoria, è meno impegnativo rispetto a quello delle ultime edizioni.

Domenica invece, nella gara trevigiana, faranno il loro debutto stagionale il romagnolo classe 2000 Matteo Domenicali e cinque atleti del 2001 all’esordio assoluto fra gli Under 23, ovvero il bergamasco Luca Cretti, i vicentini Davide Cattelan e Leonardo Dalla Costa, i bresciani Matteo Freddi e Federico Chiari. Con loro anche un altro vicentino del 2001, Simone Raccani, che ha partecipato domenica scorsa al Laigueglia. A dirigerli saranno Mirco Lorenzetto ed Orlando Maini. Si gareggia su un circuito vallonato di 2,3 chilometri da ripetere 44 volte, con partenza alle 14.30.

22/2 96^ COPPA SAN GEO (gara Nazionale Elite e Under 23) a Ponte San Marco (BS): Filippo Baroncini, Marco Grendene, Massimo Orlandi, Nicolò Parisini, Thomas Pesenti, Matus Stocek.

23/2 19° GP DE NARDI (Elite e Under 23) a Castello Roganzuolo (TV): Davide Cattelan, Federico Chiari, Luca Cretti, Leonardo Dalla Costa, Matteo Domenicali, Matteo Freddi, Simone Raccani.

14/2/2020 – Un nuovo sodalizio, volto a rafforzare un progetto nato l’anno scorso ed incentrato sui giovani, con l’obiettivo di valorizzarne il talento attraverso l’inserimento graduale nel mondo del professionismo. È con queste premesse che il Team Beltrami TSA – Marchiol si è affacciato alla stagione 2020, iniziata la scorsa settimana all’Etoile de Bessèges e in procinto di proseguire domenica con il debutto italiano nel Trofeo Laigueglia. Prima però, questa sera, è andata in scena la presentazione ufficiale del Team, all’Auditorium del Comune di Cimadolmo, in provincia di Treviso. Il vernissage si è tenuto in Veneto proprio per sottolineare la nuova collaborazione fra il gruppo del Team Beltrami TSA e quello di NT Cycling “targato” Marchiol, realtà storica del ciclismo italiano. Una sinergia che apre nuove prospettive per la squadra del team manager Stefano Chiari, diretta da Orlando Maini, Mirco Lorenzetto e Roberto Miodini. 
Durante la serata, condotta da Moreno Martin, sono intervenuti in rappresentanza delle aziende Beltrami TSA e Marchiol rispettivamente Graziano Beltrami e Renato Carrer, dopodiché sono saliti sul palco anche il vicesindaco di Cimadolmo Chiara Lovat, l’ex professionista e attuale ds Franco Pellizotti, il consigliere della Federciclismo Bruno Battistella, il vice presidente del Comitato Regionale Veneto Fci Ivano Corbanese e il presidente del Comitato Provinciale di Treviso Giorgio Dal Bo’.

Il fatto che N.T. Cycling e Marchiol abbiano creduto nel nostro progetto aggiunge esperienza, competenza ed entusiasmo a tutto ciò che facciamo, oltre a riempirci d’orgoglio – le parole del tm Stefano Chiari -. Abbiamo stilato insieme un calendario che vedrà i nostri sedici atleti impegnati tra gare per professionisti e le più importanti per Elite e Under 23, cercando di definire per ognuno di loro il miglior percorso di crescita possibile. In questi primi mesi di lavoro ho visto un gruppo già coeso, che lavora con umiltà ma anche determinazione: ci sono tutti i presupposti affinché il nostro progetto scali un altro gradino”

Siamo felicissimi di aver riportato il brand Marchiol sulle strade trevigiane – commenta Giuseppe Lorenzetto, storico presidente di N.T. Cycling –. L’azienda è sempre stata al nostro fianco in questi anni e siamo convinti che l’abbinamento con il Team Beltrami sia il migliore possibile: c’è un progetto che condividiamo appieno, volto ad interpretare il ciclismo nella maniera migliore, al passo con ciò che da anni avviene nelle realtà estere più evolute dal punto di vista del lavoro con e per i giovani”.  

La squadra 2020 del Team Beltrami TSA – Marchiol è composta da sedici atleti. Cinque i confermati: i romagnoli Filippo Baroncini (classe 2000) e Matteo Domenicali (2000), il pavese Nicolò Parisini (2000), il parmense Thomas Pesenti (1999) e lo slovacco Matus Stocek (1999). Fra gli undici volti nuovi, otto saranno al debutto fra gli Under 23 (tutti quindi nati nel 2001): i vicentini Simone Raccani, Leonardo Dalla Costa e Davide Cattelan, i bresciani Matteo Freddi e Federico Chiari, il bergamasco Luca Cretti, il fiorentino Giosuè Crescioli e il colombiano (campione nazionale e panamericano Juniores l’anno scorso) Miguel Angel Hoyos. Completano la formazione, oltre al già citato Ferri, il vicentino Marco Grendene (2000) e il bolognese Massimo Orlandi (1998).

La serata ha visto anche la presentazione del 27° Memorial Polese Giuseppe, gara Nazionale per Elite e Under che si svolgerà sabato 29 febbraio, con partenza da San Michele e arrivo a Santa Maria di Piave. La gara, organizzata dalla Polese Gomme in collaborazione con la NT Cycling e la Pro Loco di Cimaldolmo, prenderà il via alle 12,30.  

13/02/2020 – Si avvicina l’ora del debutto italiano per il Team Beltrami TSA – Marchiol, che ha già iniziato la stagione agonistica all’Etoile de Bessèges, una settimana fa, e che domenica sarà al via del 57° Trofeo Laigueglia, in provincia di Savona, gara che storicamente apre il calendario tricolore dei professionisti.
La squadra Continental giallogrigiorossa diretta da Orlando Maini e Roberto Miodini schiererà alla partenza il ravennate Filippo Baroncini, il vicentino Marco Grendene, il pavese Nicolò Parisini (tutti e tre del 2000), il parmense Thomas Pesenti, lo slovacco Matus Stocek (classe ’99), i bolognesi Massimo Orlandi (’98) e Gregorio Ferri (’97).

Saranno al via gli stessi sette che hanno già partecipato all’Etoile de Bessèges – spiega il team manager Stefano Chiari -, come da programmi iniziali. Hanno già fatto una buonissima esperienza in Francia, dove con Parisini è anche arrivato un ottimo decimo posto nella terza tappa, insperato considerando il livello della gara e il fatto che eravamo la squadra più giovane in gara. Quella di Laigueglia sarà un’altra prova molto impegnativa, ma è proprio attraverso appuntamenti di questo genere che il nostro progetto, focalizzato sulla crescita dei giovani, si può concretizzare appieno”.

La gara, con partenza e arrivo nella cittadina ligure, prenderà il via alle 11, dopodiché saranno da percorrere 202 chilometri, con le salite di Cima Paravenna, Testico e quattro volte Colla Micheri nel finale. La gara sarà trasmessa in diretta su RaiSport dalle 14,45.

La prima uscita stagionale del Team Beltrami TSA – Marchiol, all’Etoile de Bessèges, in Francia, è andata in archivio con un bilancio certamente positivo. I sette atleti in maglia giallogrigiorossa (Baroncini, Ferri, Grendene, Orlandi, Parisini, Pesenti e Stocek) sono arrivati tutti in fondo alla gara transalpina di cinque tappe, con la soddisfazione del decimo posto ottenuto da Parisini (e il 14° di Baroncini) nella terza frazione. Si tratta anche del primo piazzamento in top-10 tra i professionisti per la squadra del team manager Stefano Chiari, impreziosito dall’alto livello dei partecipanti e del fatto che l’atleta pavese non ha ancora compiuto 20 anni (lo farà il prossimo 25 aprile).

“Posso dire che siamo soddisfatti – commenta il ds Orlando Maini -, perché i ragazzi si sono ben comportati in una gara davvero tosta, con sette world team al via che hanno reso dura la corsa praticamente in ogni tappa. Siamo anche riusciti a “mettere il naso fuori dal gruppo”, facendoci notare con i piazzamenti di Parisini e Baroncini, niente male per due ragazzi del Duemila in un contesto del genere. Anche nella tappa con arrivo in salita, nonostante la difficoltà, siamo stati bravi a restare nella prima parte del gruppo fin quasi all’arrivo. Più in generale, mi è piaciuto come i nostri abbiano corso uniti e compatti, altro segno di crescita rispetto all’anno scorso. Ora però dobbiamo continuare su questa strada, lavorando con tanta umiltà e determinazione, perché la stagione è solo agli albori e ci attendono tantissimi altri appuntamenti in futuro, a partire dal Trofeo Laigueglia di domenica, che sarà una gara particolarmente dura e difficile”.

Venerdì sera invece si terrà la presentazione della squadra in quel di Cimadolmo (Treviso), nell’Audtorium comunale, un modo per battezzare il nuovo sodalizio con Marchiol e il gruppo veneto di NT Cycling.

7/2/2020 – Primi piazzamenti stagionali di grande valore per il Team Beltrami TSA – Marchiol all’Etoile de Bessèges: nella terza tappa della corsa francese (di categoria 2.1 e con sette World Team al via) i classe 2000 Nicolò Parisini e Filippo Baroncini si sono classificati rispettivamente decimo a quattordicesimo al traguardo.

La tappa, con partenza e arrivo proprio a Bessèges (158 chilometri totali) è stata vinta dal belga De Bondt (Alpecin – Fenix) davanti al tedesco Georg Zimmermann (CCC Team). I due erano andati in fuga con altri corridori e hanno resistito al ritorno del gruppo per appena 2”. Immediatamente alle loro spalle è stato il danese Magnus Cort Nielsen (EF) a vincere la volata del plotone, con Parisini che, nonostante una caduta altrui lo abbia rallentato a 500 metri dal traguardo, è riuscito a centrare il suo primo piazzamento in top ten tra i professionisti.
Parisini, pavese di Cilavegna, e Baroncini, ravennate di Massa Lombarda, sono entrami al secondo anno tra le fila del Team Beltrami, con il quale hanno debuttato l’anno scorso fra gli Under 23 e nel mondo del professionismo, coerentemente con il progetto della squadra che punta a valorizzare giovani talenti inserendoli gradualmente nelle gare della massima categoria, alternandole a quelle per Under 23.

Questo piazzamento dà tanto morale e ulteriore fiducia in ciò che stiamo facendo – spiega Parisini nel dopo tappa -. Mi sentivo davvero bene e, non fosse stato per una caduta a mezzo chilometro dall’arrivo che mi ostacolato, avrei potuto ottenere un piazzamento addirittura migliore. Ma sono già più che soddisfatto così. A venti dall’arrivo c’era una salita: io, Baroncini, Pesenti e Orlandi abbiamo scollinato con il gruppo principale, dopodiché nel finale ho cercato di “saltare” di treno in treno e alla fine è arrivato quel bel risultato. È un gran bel punto di partenza per questa stagione”.

Siamo venuti all’Etoile de Bessèges perché siamo convinti che sia soprattutto attraverso gare di questo livello che il nostro progetto di fare crescere i giovani possa concretizzarsi – le parole del ds Roberto Miodini -. Non pretendevamo certo di riuscire già ad ottenere dei piazzamenti, considerato il livello dei presenti ed essendo noi la squadra più giovane per età media. Per questo siamo felicissimi di aver piazzato due Duemila fra i primi quindici, che in una gara 2.1 è tanta roba. Più in generale vanno fatti i complimenti a tutti i ragazzi per come stanno ben interpretando la gara. Significa che stiamo lavorando nella direzione giusta”.

Domani quarta tappa, con arrivo in salita a Le Mont Bouquet, domenica crono finale di 10,7 chilometri ad Ales.