Articoli

Dopo il 3° posto a Monza, il velocista albanese a un passo dal successo nel Trofeo Fumagalli. 8° Zanni, 9° Burchio.
10/6/2018 – Dopo il terzo posto ottenuto ieri all’Autodromo di Monza, oggi Giuliano Kamberaj  è andato ad un passo dal successo in quel di Gessate, nel Milanese, dove si è corso il 34° Trofeo Fumagalli, che il velocista albanese del Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli ha chiuso in seconda posizione. Lo sprint, a ranghi compatti, è stato vinto dal veronese Fedrigo, che si era imposto anche a Monza.
Per la formazione emiliana del presidente Emanuele Brunazzi e del team manager Stefano Chiari si tratta del terzo podio in quindici giorni. Se, da un lato, c’è il rammarico per la vittoria sfiorata, dall’altra c’è soddisfazione per la continuità dei risultati e per la consapevolezza di essere sempre più vicini a raccogliere il risultato pieno. Nella gara di Gessate (150 chilometri totali), per la squadra biancorossonera sono arrivati anche l’ posto di Simone Zanni e il di Federico Burchio.

All’ultimo giro ho preso molta aria in faccia  – le parole di Kamberaj dopo il traguardo -, poi sono uscito dall’ultima curva in prima posizione e ho avuto un momento di esitazione che probabilmente ho pagato caro. Alla fine ho perso di una bici. Peccato perché anche stavolta ci sono andato vicino, ma non è arrivata la vittoria. Bisogna continuare così, cercando di trovare anche quel qualcosa in più che può portarci alla vittoria. Ne riparleremo il prossimo weekend”.

Non è arrivata la vittoria, ma anche oggi non si può appuntare nulla alla squadra – il commento del team manager Stefano Chiari -. I ragazzi sono stati sempre presenti nelle fughe quando serviva, poi hanno tirato quando occorreva farlo. Le qualità di Kamberaj non le scopriamo certo ora: con noi ha disputato due volate, salendo sempre sul podio. Sono convinto che, se continuerà così, ci regalerà diverse soddisfazioni”.

ORDINE D’ARRIVO 34° Trofeo Fumagalli Stefano: 1° Leonardo Fedrigo (Petroli Firenze Hopplà Maserati), 151 km in 3h13’32”, a 45,7 km/h di media. 2° Giuliano Kamberaj (Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli), 3° Alessio Brugna (Namedsport Rocket), 4° Lorenzo Cataldo (Malmantile), 5° Jalel Duranti (Petroli Firenze Hopplà Maserati), 6° Ottavio Dotti (Petroli Firenze Hopplà Maserati), 7° Stefano Frigerio (Team Lan Service Group), 8° Simone Zanni (Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli), 9° Federico Burchio (Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli), 10° David Zanchi (Valle Seriana – Cene).

27/05/2018 – Secondo posto e vittoria sfiorata per Daniele Cazzola e il Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli quest’oggi nel 14° Trofeo Larghi di Pregnana, in provincia di Milano. Il vicentino classe ’93 è riuscito a disputare una grande volata, battuto negli ultimi metri solamente dal veronese Leonardo Fedrigo (per mezza bici). La squadra biancorossonera, oltre alla piazza d’onore di Cazzola, ha raccolto anche un settimo posto con il bresciano Simone Zanni.

Quello di Cazzola è il miglior risultato, sia a livello personale che di squadra, ottenuto in questa stagione. Un secondo posto arrivato al termine di 144 chilometri particolarmente tirati, nei quali sono andati in fuga anche Burchio, Pesenti e Pasini.

Dopo una prima parte di stagione dove avevo trovato diversi piazzamenti tra i primi dieci – ha detto Cazzola nel dopo gara -, senza però mai riuscire a salire sul podio, finalmente ho sfatato questo tabù. Ho avuto una prima parte di stagione non semplice anche a causa di un’intolleranza alimentare di cui non ero a conoscenza, ma ora sto decisamente meglio e oggi le gambe giravano al meglio. Buda è stato bravo a tirarmi la volata, poi ho preso la ruota di Fedrigo, che è partito ai 200 metri dal traguardo, io ho provato a mettere la testa fuori ai 100, ma non sono riuscito nella rimonta. È un secondo posto di valore, lo considero un punto di ripartenza per fare bene nelle prossime gare”.

Oggi la squadra merita solo complimenti – commenta il ds Roberto Miodini -, sia per il risultato finale che per come ha condotto la gara. Cazzola ha dimostrato di stare davvero bene, sfiorando una vittoria che per giunta meriterebbe. Ma oggi non c’è delusione, solamente soddisfazione e voglia di proseguire su questa linea: in questo modo arriverà anche la vittoria. Bravo anche Zanni, mi auguro che questo piazzamento gli dia morale per l’immediato futuro”.

Ordine d’arrivo della gara di Pregnana: 1° Leonardo Fedrigo (Petroli Firenze – Hopplà) km 144 in 3h05’00” media 46,703 Km/h; 2° Daniele Cazzola (Beltrami TSA – Argon 18 – Tre Colli), 3° Nicolò Gozzi (Biesse Carrera Gavardo), 4° Enrico Zanoncello (Team Colpack), 5° Amed Amine Galdoune (Gallina Colosio Eurofeed), 6° Francesco Di Felice (Gallina Colosio Eurofeed), 7° Simone Zanni (Beltrami TSA – Argon – 18 Tre Colli), 8° Mattia Baldo (Iseo Serrature Rime), 9° Gianmarco Begnoni (Viris Vigevano), 10° Cristian Rocchetta (General Store Bottoli).

Sarà Simone Zanni uno dei velocisti di punta del Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli per la prossima stagione. Bresciano, nato a Gavardo il 26 settembre del 1997 e residente a Bione, in Valle Sabbia, nelle ultime due stagioni ha militato tra le fila della Gallina Colosio Eurofeed e quest’anno ha ottenuto una vittoria (a Camponogara) e due secondi posti (a Salizzole e a Terranuova Bracciolini).
Un altro tassello che va dunque ad aggiungersi alla formazione che stanno costruendo per l’anno prossimo il presidente Emanuele Brunazzi e il team manager Stefano Chiari. Sono già stati annunciati gli innesti di Federico Burchio, Thomas Pesenti, Gabriel Parola, Pietro Olocco e Simone Buda, che si aggiungono ai confermati Kevin Pasini, Davide Debenedetti, Michele Bertaina, Alex Ponti e Manuele Tarozzi. Un organico ormai prossimo ad essere definitivamente completato  con gli ultimi rinforzi, che verranno comunicati a breve.

Cercavamo un velocista che avesse potenzialità ed entusiasmo, oltre ad un’età interessante per la categoria – spiega il presidente Brunazzi -, e crediamo di averlo trovato in Simone Zanni. Nel 2018 sarà al terzo anno tra gli Under 23, ha già dimostrato di avere qualità interessanti e lavoreremo con lui per fare in modo che prosegua nei suoi miglioramenti, augurandoci di raccogliere soddisfazioni reciproche”.

Penso che questa sia la squadra giusta per fare il salto di qualità – le parole di Zanni -. Il mio obiettivo per il 2018 è quello di ottenere risultati che mi possano far notare dal mondo del professionismo, ma prima di tutto per ripagare la fiducia che il team manager Chiari e tutto il Team hanno riposto in me”.