Articoli

Alex Ponti protagonista nel Trofeo Edil C di Collecchio con cento chilometri di fuga

8/4/2018 – Decimo posto quest’oggi per Daniele Cazzola nella Vicenza – Bionde, classica veneta arrivata alla 73^ edizione: il vicentino del Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli ci teneva particolarmente a fare bene nella gara che passava anche sulle strade del suo paese (Malo), e alla fine è riuscito a vincere la volata del gruppo, che valeva appunto per la decima posizione. A vincere è stato Giovanni Aleotti (Team Friuli), che s’era inserito nella lunga fuga poi arrivata al traguardo. Da Cazzola comunque un segnale positivo anche per l’immediato futuro, dopo che l’atleta aveva patito alcuni problemi di salute la scorsa settimana.

Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli in evidenza anche ieri a Collecchio, nel Trofeo Edil C internazionale, dove il faentino Alex Ponti è stato fra i protagonisti della fuga a tre che ha animato i primi cento chilometri (su 150) di gara. Un plauso dunque all’atleta classe 1998, non nuovo in questo inizio di stagione a performance simili. La vittoria è andata ad Alessandro Fedeli della Trevigiani.

Ora lo sguardo è già rivolto al prossimo impegno, ancora in terra parmense: sabato infatti si correrà la Milano-Busseto, gara Nazionale per Under 23 alla quale la formazione del presidente Emanuele Brunazzi e del team manager Stefano Chiari prenderà parte, con l’obiettivo di farsi notare anche stavolta.

Cadute e sfortuna frenano i biancorossoneri. Cazzola 9° a Nogarole Rocca, Tarozzi in crescita al “Recioto”

3/4/2018 – Si è concluso con la partecipazione, quest’oggi, alla 57^ edizione del Palio del Recioto di Negrar (Verona), una delle più importanti corse internazionali d’Italia, la serie di gare pasquali alle quali ha preso parte il Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli in questi giorni.

Il miglior risultato è stato il nono posto del vicentino Daniele Cazzola in quel di Bagnolo di Nogarole Rocca, nel lunedì di Pasquetta, in volata.

Il lungo “weekend” era iniziato sabato con il Memorial Vincenzo Mantovani a Castel d’Ario, in provincia di Mantova, dove una gara resa dura dal vento si è conclusa con la volata di quanto rimaneva del gruppo principale. Purtroppo però, i nostri quattro portacolori presenti nel finale sono stati tagliati fuori, a due chilometri dal traguardo, da una caduta che ha spezzato in due il gruppetto. Una gara nella quale comunque i biancorossoneri si erano messi in mostra con Federico Burchio, che aveva “provato” la gamba con una fuga (insieme al veronese Fedrigo) durata una quarantina di chilometri, con il gruppo a un minuto di margine massimo.

Burchio che, il giorno dopo nell’internazionale Trofeo Piva di Treviso, è caduto in discesa insieme al compagno di squadra Gabriel Parola (e ad altri corridori). Nulla di rotto per entrambi, ma botte ed escoriazioni che hanno costretto il torinese classe ’96 a dover saltare oggi il Palio del Recioto, dove sarebbe stato il capitano insieme a Manuele Tarozzi. Una gara, quella di oggi, che è servita soprattutto a fare esperienza ai giovani Tarozzi, Ponti, Parola e Pesenti, al cospetto di 16 squadre (su 32) straniere, alcune delle quali Continental, quindi con la via professionisti veri e propri. Alla fine Tarozzi si è comportato in maniera più che onorevole, concludendo entro i primi trenta.

Domenica, oltre al Trofeo Piva, parte della squadra ha partecipato in Romagna alla Coppa Caduti di Reda, disputando una buona prestazione ma mancando il piazzamento nella top ten.

Ora lo sguardo è rivolto al prossimo weekend e in particolare a sabato, quando la squadra correrà a Collecchio il Trofeo Edil C, altra gara internazionale (per soli Under 23), nonché primo impegno stagionale in provincia di Parma.

25/2/2018 – È iniziato con il piede giusto il calendario italiano del Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli, che in questo primo weekend di gare nel nostro paese (dopo il debutto di una settimana fa in Francia) ha ottenuto due pregevoli piazzamenti: ieri Federico Burchio ha chiuso al posto la 94^ Coppa San Geo a Prevalle, nel Bresciano, mentre oggi pomeriggio Daniele Cazzola ha sfiorato il podio a San Bernardino di Lugo (Ravenna), nel 59° Gp San Bernardino, concluso al 4° posto.

Alla “San Geo”, Burchio (torinese classe ’96) è arrivato al traguardo nel gruppo di circa trenta corridori che si è giocato la vittoria (ne faceva parte anche Davide Debenedetti), restando purtroppo un po’ chiuso in volata, ma riuscendo comunque ad acciuffare la nona posizione (successo del bresciano Tagliani). Dei sette atleti biancorossoneri che avevano preso il via, tutti hanno portato a termine la gara, compreso il debuttante Thomas Pesenti, che ha anche tentato la fuga nelle fasi iniziali.

Oggi a San Bernardino invece, in una giornata contrassegnata dal freddo pungente (motivo per cui la gara è stata accorciata di venti chilometri), Cazzola (vicentino classe ’93) è entrato nella fuga di undici unità nata a metà gara (dopo circa 50 chilometri), insieme al suo compagno Alex Ponti, che correva quasi in casa essendo romagnolo di Castrocaro (al secondo anno nella categoria). La fuga ha preso piede e per il gruppo non c’è stato più nulla da fare. Nel finale è stato poi Donesana della Viris a trovare lo scatto vincente, mentre nella volata degli inseguitori Cazzola s’è piazzato terzo. Undicesimo invece un generoso Ponti.

Sono contento del modo in cui i ragazzi hanno interpretato queste due gare – spiega il ds Roberto Miodini -. Hanno mostrato di avere quello spirito che avevo chiesto loro. Sono arrivati due buoni piazzamenti che, con un pizzico di fortuna in più, avrebbero potuto essere anche migliori. Ma per ora va bene così: più dei risultati in sé, quel che mi è piaciuto è il modo in cui abbiamo corso. Ora è necessario continuare su questa strada”.

Oggi a San Bernardino ci siamo fatti trovare pronti quando è andata via la fuga – il commento di Daniele Cazzola -. Prima in un gruppo di 25, dove oltre a me e Ponti c’erano anche Buda e Zanni, poi in quello di 11 che è arrivato al traguardo. Nel finale, dopo l’attacco di Donesana, ho provato ad anticipare leggermente la volata, ma sul traguardo mi hanno saltato in due (Galdoune e Rocchetta, ndr). Peccato, poteva essere podio, ma è comunque un risultato che fa morale”.

Anche Alessio FerrariDaniele Cazzola e Matteo Valsecchi faranno parte, nel 2018, del Team Beltrami Tsa – Argon 18 – Tre Colli. Tre nuovi innesti che si aggiungono agli altri sei già precedentemente annunciati (Federico Burchio, Simone Zanni, Thomas Pesenti, Simone Buda, Pietro Olocco e Gabriel Parola), e ai cinque confermati (Davide Debenedetti, Kevin Pasini, Michele Bertaina, Manuele Tarozzi Alex Ponti), per un totale di quattordici atleti (undici Under 23 e tre Elite) a comporre la formazione del presidente Emanuele Brunazzi e del team manager Stefano Chiari, affidata ai direttori sportivi Roberto Miodini, Daniele Contrini ed Enea Farinotti. Un organico che, salvo altri inserimenti dell’ultima ora, può dirsi completo.

Alessio Ferrari, nato a Varese il 13 aprile del 1997 (sarà quindi al terzo anno tra gli Under 23), è un passista scalatore e proviene dalla Named. Caratteristiche praticamente simili per Matteo Valsecchi (ex Vc Cremonese), che sarà invece al primo anno tra gli Elite (è nato a Mariano Comense, dove vive tuttora, il primo settembre del1995).
Daniele Cazzola, vicentino (è nato a Thiene e risiede a Malo) classe ’93, con i suoi 25 anni (li compirà il 31 marzo prossimo) sarà l’uomo di maggior esperienza all’interno del Team. Passista veloce, proviene dalla Cipollini-Iseo-Rime e in questa stagione ha centrato due secondi posti.

Cazzola, Valsecchi e Ferrari sono elementi che già conoscono bene questa categoria e hanno voglia di rilanciarsi e di mettersi in luce – spiega il tm Stefano Chiari -. Vanno a consolidare, con la loro esperienza, un team che ha sette atleti tra primo e secondo anno. Con questi tre acquisti possiamo ormai dire di aver completato l’organico per la prossima stagione, anche se ci riserviamo l’eventuale possibilità di un ultimo inserimento. Al di là di queste valutazioni, ci stiamo già rimboccando le maniche: sarà fondamentale lavorare bene quest’inverno per iniziare la stagione con il piede giusto”.