Articoli

18/9/2020 – Domenica (20 settembre) il Team Beltrami TSA – Marchiol sarà in gara in Veneto, nel Trevigiano, al 13° Trofeo Città di San Vendemiano – 60° Gp Industria e Commercio, gara internazionale per Under 23 (1.2 Uci), uno degli appuntamenti più prestigiosi per la categoria, ancor di più in una stagione accorciata come questa.

La squadra del team manager Stefano Chiari punterà a far bene soprattutto con Filippo Baroncini, reduce dal 6° posto al Campionato Italiano Under 23 di domenica scorsa a Zola Predosa e, cinque giorni prima, del secondo posto nell’Astico-Brenta, in provincia di Vicenza.

Oltre a lui, al via ci saranno anche Matteo Domenicali, Marco Grendene, Simone Raccani, Massimo Orlandi e Thomas Pesenti. Mancherà Nicolò Parisini, non al meglio negli ultimi giorni.
La gara si snoda su un tracciato piuttosto impegnativo di 175 chilometri, con partenza alle 13 e arrivo previsto verso le 18.

Al Campionato Italiano abbiamo davvero ben figurato – le parole del tm Chiari – specialmente grazie ad un Baroncini in ottima forma. Anche a San Vendemiano partiremo per essere protagonisti e fare bene con tutta la squadra. È un appuntamento a cui teniamo, perché è un’internazionale per Under 23 che, in passato, ha sempre espresso valori importanti”.

È ormai arrivato il momento del debutto stagionale per il Team Beltrami TSA – Marchiol: la formazione Continental veneto-emiliana da mercoledì a domenica (5 – 9 febbraio) sarà l’unica italiana al via dell’Etoile de Bessèges, nel sud della Francia, prima gara a tappe del calendario europeo (in contemporanea con la Vuelta Valenciana).

Alla competizione prenderanno parte venti squadre, fra cui sei World Team e otto Professional. Ognuna con sette atleti al via. Il Team Beltrami TSA – Marchiol schiererà alla partenza i bolognesi Gregorio Ferri (classe ’97) e Massimo Orlandi (’98), il parmense Thomas Pesenti, lo slovacco Matus Stocek (entrambi del ’99), il ravennate Filippo Baroncini, il pavese Nicolò Parisini e il vicentino Marco Grendene (tutti e tre del 2000). La formazione diretta da Orlando Maini e Roberto Miodini sarà la più giovane, per età media, fra quelle in gara.

La gara prevede cinque tappe, quattro in linea (di cui le prime tre dal percorso mosso e la quarta con arrivo in salita) più una crono individuale di 11 chilometri nella giornata conclusiva.
Queste le tappe:
Mercoledì 5 febbraio, 1^ tappa: Bellegarde – Bellegarde (139 km)
Giovedì 6 febbraio, 2^ tappa: Milhaud – Poulx (158 km)
Venerdì 7 febbraio, 3^ tappa: Bessèges – Bessèges (162 km)
Sabato 8 febbraio, 4^ tappa: Le Pont du Gard – Le Mont Bouquet (139.7k)
Domenica 9 febbraio, 5^ tappa: Alès – Alès, crono individuale (10.9 km)

Il momento del debutto stagionale è sempre particolarmente emozionante – commenta il team manager Stefano Chiari -. Partiamo da una gara di grande prestigio, il modo migliore per “battezzare” il nuovo sodalizio con Marchiol, che quest’anno ha rafforzato il nostro progetto incentrato sui giovani e sul loro graduale inserimento nel mondo del professionismo. È in questa maniera che un talento cresce, misurandosi e abituandosi a certi livelli. Abbiamo ampliato la squadra, portandola a sedici elementi, con tanti volti nuovi ma anche uno zoccolo duro della passata stagione. Fin dai primi ritiri ho notato un gruppo giù molto affiatato, dove non mancano entusiasmo e voglia di fare bene. Stiamo lavorando nella direzione giusta”.

1/1/2020 – È Gregorio Ferri l’ultimo tassello per la stagione 2020 del Team Beltrami TSA – Marchiol, che arriva così ad avere 16 corridori in squadra, quattro in più rispetto alla passata stagione. L’atleta bolognese (di Calcara) classe 1997, proveniente dalla Zalf, è stato uno degli Under 23 italiani più brillanti dell’ultima annata, con quattro vittorie, cinque secondi e due terzi posti. Risultati che gli sono valsi la convocazione in azzurro per Europei e Mondiali Under 23.

Sarà l’unico atleta Elite nella formazione Continental veneto-emiliana che, da quest’anno, ha in Marchiol il secondo nome (grazie al sodalizio con il team N.T. Cycling): “Gregorio è uno dei giovani più interessanti del panorama italiano – le parole del team manager Stefano Chiari -. Quando si è prospettata la possibilità di averlo con noi abbiamo fatto il massimo perché si concretizzasse. Gareggerà soprattutto nelle competizioni professionistiche e ci auguriamo che riesca a mostrare le sue potenzialità su palcoscenici dove saranno presenti molte delle più importanti formazioni World Tour e Professional. Nella nostra squadra sarà anche importante per l’esperienza che porta in un gruppo che, su sedici atleti, ne ha la metà al primo anno fra gli Under 23”.

Com’è noto – spiega Ferri -, avevo un accordo per passare professionista nel 2020 con una squadra che poi non ha visto la luce (l’ungherese E-Powers Factory Team, ndr). Dopo l’ovvia delusione iniziale, ho cercato una soluzione diversa e il Team Beltrami TSA – Marchiol rappresentava la migliore possibile fra quelle che mi sono prospettate. Sia perché qui c’è una grande organizzazione, con uno staff esperto e preparato del quale peraltro fa parte Orlando Maini, bolognese come me, sia perché è una delle formazioni Continental che danno la garanzia di poter partecipare a gare professionistiche di ottimo livello e con una frequenza regolare. Ora sta a me sfruttare al meglio questa opportunità”.

LA SQUADRA 2020
La squadra 2020 del Team Beltrami TSA – Marchiol è quindi è al completo. Cinque sono i confermati: i romagnoli Filippo Baroncini (classe 2000) e Matteo Domenicali (2000), il pavese Nicolò Parisini (2000), il parmense Thomas Pesenti (1999) e lo slovacco Matus Stocek (1999). Fra gli undici volti nuovi, otto saranno al debutto fra gli Under 23 (tutti quindi nati nel 2001): i vicentini Simone Raccani, Leonardo Dalla Costa e Davide Cattelan, i bresciani Matteo Freddi e Federico Chiari, il bergamasco Luca Cretti, il fiorentino Giosuè Crescioli e il colombiano (campione nazionale e panamericano Juniores l’anno scorso) Miguel Angel Hoyos. Completano la formazione, oltre al già citato Ferri, il vicentino Marco Grendene (2000) e il bolognese Massimo Orlandi (1998).
Saranno diretti da Orlando Maini e Roberto Miodini, ai quali quest’anno si aggiunge l’ex professionista Mirco Lorenzetto.

Il debutto avverrà all’Etoile de Bessèges, in Francia, gara a tappe dal 5 al 9 febbraio, con al via sette squadre World Tour e otto Professional, su un totale di venti formazioni nel quale il Team Beltrami TSA – Marchiol sarà l’unica italiana.

22/12/2019  – La divisa da gare 2020 del Team Beltrami TSA – Marchiol resta sostanzialmente invariata nel design rispetto a quella che tanto gradimento aveva riscosso l’anno scorso: maglia e pantaloncini in toni di grigio scuro, con due bande, una rossa e l’altra giallo fluo, che partono dalle maniche e arrivano quasi ad unirsi sul petto. Rispetto all’anno scorso, una linea rossa sconfina nella banda giallo fluo e viceversa.
A differire, ovviamente, sono anche alcuni loghi degli sponsor, in primis con l’inserimento di Marchiol, azienda veneta che è divenuta secondo nome della squadra grazie al sodalizio fra la società del team manager Stefano Chiari e la N.T. Cycling. A realizzare le divise da gare è, anche quest’anno, la MOA Sport, brand che da molti anni veste alcune delle più prestigiose formazioni del ciclismo internazionale.

Abbiamo avuto ben pochi dubbi nel riproporre la divisa che, nel corso dell’ultima stagione, ci ha subito identificato e reso ben riconoscibili – le parole del tm Chiari -. Ci sembrava quindi naturale proseguire con questi colori, anche in una logica di continuità del progetto avviato l’anno scorso, che punta a far crescere i giovani, inserendoli con gradualità nel mondo del ciclismo professionistico”.

Altro rinforzo in casa Team Beltrami TSA – Marchiol per la stagione 2020: si tratta del bolognese Massimo Orlandi, classe 1998, che diventa il quattordicesimo elemento nella squadra Continental del team manager Stefano Chiari, aggiungendosi ai confermati Filippo Baroncini, Matteo Domenicali, Nicolò Parisini, Thomas Pesenti e Matus Stocek, e agli otto provenienti dalla categoria Juniores, ovvero Davide Cattelan, Simone Raccani, Leonardo Dalla Costa, Giosuè Crescioli, Federico Chiari, Matteo Freddi, Luca Cretti e il colombiano Miguel Angel Hoyos.

Orlandi, nato a Bologna (dove tuttora risiede) il 3 dicembre del ’98, è un passista-scalatore che proviene dal Cycling Team Friuli e che nel 2020 sarà al quarto anno fra gli Under 23: “L’ultima stagione per me è stata di alti e bassi – le sue parole -, sicuramente mi aspettavo di fare di più. Ho deciso di cambiare squadra per trovare nuovi stimoli e motivazioni e mi auguro, con il supporto di tutto lo staff del Team Beltrami TSA – Marchiol, di fare il salto di qualità che vorrei”. 

Per il tm Stefano Chiari, “Massimo ha delle qualità importanti che ha fatto vedere negli anni passati – spiega – e che speriamo riesca a mostrare di nuovo l’anno prossimo. Il suo è un innesto che aggiunge esperienza al nostro gruppo piuttosto giovane, ma non è l’ultimo. Nei prossimi giorni andremo a definire e poi ad annunciare gli ultimissimi rinforzi per il 2020”.

30/08/2019 – Mancano meno di due mesi al termine della stagione 2019 e la dirigenza del Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze, mentre la squadra continua a raccogliere buoni risultati (l’ultimo in ordine di tempo è stato il quinto di Filippo Baroncini martedì a Sommacampagna), è già al lavoro da settimane per programmare al meglio il futuro.
Anche nel 2020 la squadra del team manager Stefano Chiari sarà fra le Continental, proseguendo così il percorso intrapreso quest’anno, che mira a far crescere giovani talenti attraverso un graduale inserimento nel mondo del professionismo, alternando le gare della massima categoria ad alcune del calendario dilettantistico.

A breve annunceremo conferme, rinforzi e anche nuovi sponsor per l’anno prossimo – spiega Chiari -, ma intanto i ragazzi continuano a darci ottimi riscontri, in particolare i primo e secondo anno stanno dimostrando una crescita che ci fa molto ben sperare per il futuro.
Il nostro progetto nel 2020 continua e si rafforza: da un lato abbiamo creato quest’anno una base di atleti con ottime prospettive, che avranno maggior esperienza e consapevolezza del proprio potenziale, dall’altro stiamo consolidando sempre di più una struttura, fatta di persone e mezzi, che ben risponde alle esigenze di un team impegnato nel mondo del professionismo. Pozzato e Mazzanti, che uniscono esperienza ed entusiasmo, continueranno ad essere due imprescindibili punti di riferimento
”.
Un progetto che quest’anno ha già raggiunto diversi obiettivi: “Abbiamo partecipato a molte gare professionistiche, anche di primissimo piano. Esperienze del genere permettono ai ragazzi di conoscere direttamente questa realtà, di capirne i meccanismi e le caratteristiche. La loro crescita, almeno in questa fase, non passa necessariamente dai risultati: occorre la consapevolezza, da parte di tutti, che quelli arriveranno a tempo debito, e soprattutto che il processo di crescita di un atleta non debba essere “forzato” per la spasmodica ricerca del risultato in gare dilettantistiche, le quali hanno modalità molto differenti da quelli dei prò”.

Domenica intanto la squadra sarà in gara a Pergine Valdarno (Arezzo) nel Memorial Daniele Tortoli, gara Nazionale per soli Under 23 con partenza alle 13.30 e 160 chilometri da percorrere.

23/08/2019 – Tempo di tornare a gareggiare in Lombardia per il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze, che sarà al via domenica (25 agosto) del 68° Gp dei Colli Rovescalesi, gara Nazionale per Elite e Under 23 con partenza e arrivo a Rovescala, in provincia di Pavia. La gara prenderà il via alle 14, dopodichè saranno 155 i chilometri da percorrere, in parte in line ed in parte in circuito, fra cui quello da percorrere quattro volte nel finale. Un tracciato impegnativo, che nelle passate edizioni ha sempre fatto selezione. 
Vi parteciperanno cinque atleti in maglia giallogrigiorossa: i “primo anno ” Nicolò Parisini e Filippo Baroncini, con Thomas Pesenti e i colombiani Nacho Montoya e Sebastian Castano. Saranno diretti in ammiraglia da Roberto Miodini. 

“Ci attende una gara impegnativa – spiega il team manager Stefano Chiari -, nella quale schieriamo cinque atleti che negli ultimi due mesi hanno mostrato di avere le qualità adatte per fare bene su percorsi del genere, mostrando anche una certa personalità che, specialmente riguardo ai primo e secondo anno, non è cosa scontata. Sono convinto che anche stavolta sapranno essere nel vivo della corsa quando questa si deciderà”. 

14/7/2019 – Il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze si appresta ad affrontare un’altra corsa a tappe di grande prestigio e tradizione per Under 23, il 56° Giro Ciclistico della Valle d’Aosta, che scatta martedì sera con un cronoprologo per concludersi domenica prossima. Una gara fra le più dure per questa categoria, il che è praticamente inevitabile data la conformazione montuosa del territorio. In questa edizione saranno ben 17mila i metri di dislivello, su 694 chilometri di percorso suddivisi in cinque tappe (più il prologo di 2,7 chilometri ad Aosta). Conclusione con la Valtournenche – Breuil Cervinia, dove il traguardo è posto al termine di una salita di quasi trenta chilometri.  

27 le squadre al via, provenienti da 11 paesi diversi, ciascuna delle quali schiererà cinque atleti. Quelli della formazione tosco-emiliana, diretti da Orlando Maini e Roberto Miodini, sono i colombiani Sebastian Castaño, Nacho Montoya (entrambi classe ’97), Wilson Estiben Peña (del ’98) e due atleti italiani al primo anno nella categoria (classe 2000), il ravennate Filippo Baroncini e il pavese Nicolò Parisini, che nell’ultimo periodo hanno dato ottimi segnali, così come Castaño, terzo una settimana fa al Giro delle Valli Aretine.

Questa è una delle corse più dure per la categoria – spiega il team manager Stefano Chiari -, alla quale arriviamo con buone sensazioni dopo i risultati delle ultime due settimane, nelle quali la squadra si è sempre ben comportata. Vedremo come si evolverà la corsa e che segnali daranno, via via, i ragazzi. L’auspicio è quello di ritagliarci uno spazio e una buona visibilità, pur sapendo che non sarà facile. Indubbiamente esperienze come questa, al di là dei risultati che possono arrivare o meno, sono utilissimi alla crescita dei ragazzi e ad abituarli alle gare a tappe”.

56° GIRO CICLISTICO DELLA VALLE D’AOSTA, LE TAPPE:
16 luglio, prologo: Aosta – Aosta, 2.7 km
17 luglio, 1^ tappa: Sainte Foy Tarentaise – Saint Gervais Mont Blanc, 126 km
18 luglio, 2^ tappa: Aymavilles – Valsavarenche, 137 km
19 luglio, 3^ tappa: Ayas – Champoluc, 179 km
20 luglio, 4^ tappa: Orsières – Champex Lac, 128 km
21 luglio, 5^ tappa: Valtournenche – Breuil Cervinia, 120 km

LA FORMAZIONE DEL TEAM BELTRAMI TSA – HOPPLÀ – PETROLI FIRENZE: Filippo Baroncini (Ita, 2000), Sebastian Castaño (Col, 1997), Javier Ignacio Montoya (Col, 1997), Nicolò Parisini (Ita, 2000), Wilson E. Peña (Col, 1998).

29/06/19 – Archiviata l’esperienza dal Giro d’Italia Under 23, il Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze si appresta a vivere un altro dei più prestigiosi appuntamenti stagionali, il campionato italiano per Under 23, in programma domani (domenica 30 giugno) a Corsanico, in provincia di Lucca.
Una gara dal percorso impegnativo, che verrà resa ancor più dura dal gran caldo di questi giorni. 153 i chilometri da affrontare, con partenza alle 13. La gara sarà anche trasmessa da Raisport in leggera differita, una volta terminata quella dei professionisti di scena in provincia di Parma.
Per la formazione guidata da Orlando Maini saranno al via cinque atleti, praticamente tutti gli italiani a disposizione. Si tratta dei romagnoli Filippo Baroncini e Matteo Domenicali, del pavese Nicolò Parisini (tre atleti al primo anno nella categoria), del parmense Thomas Pesenti e del bresciano Matteo Furlan. Fuori causa Tommaso Fiaschi, ancora alle prese con il recupero dell’infortunio al braccio sinistro occorsogli durante il Giro d’Italia Under 23, gara nella quale anche Davide Ferrari è stato vittima di una caduta, pur senza gravi conseguenze.

Ci presentiamo al via di questo campionato italiano con una squadra molto giovane – commenta il team manager Stefano Chiari -, composta da ragazzi su cui abbiamo investito e sui quali puntiamo soprattutto per il futuro, ma che già in questa stagione sono riusciti a mostrare il loro talento. Questa gara sarà resa molto dura dal caldo, oltre che dal percorso e dal livello dei partenti. I principali favoriti sono altri, ma noi punteremo a fare bene, anche perché si corre in Toscana, dove hanno sede molti dei nostri sponsor e dove, a maggior ragione, ci piacerebbe ritagliarci un nostro spazio”.

CAMPIONATO ITALIANO UNDER 23 (30/06, Corsanico – LU): Filippo Baroncini, Matteo Domenicali, Matteo Furlan, Nicolò Parisini, Thomas Pesenti. 

12/06/2019 – In casa Team Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze è tutto pronto per il Giro d’Italia Under 23, che parte nel tardo pomeriggio di domani (giovedì 13 giugno) con un cronoprologo di 3,6 km in quel di Riccione, per concludersi domenica 23 sulla Marmolada.
La formazione, diretta da Orlando Maini Roberto Miodini, sarà composta da Sebastian Castaño, Matteo Domenicali, Davide Ferrari, Tommaso Fiaschi Thomas Pesenti.

Castaño, scalatore colombiano classe 1997, è reduce da una gara da protagonista al Gp di Lugano, domenica scorsa tra i professionisti, dove è stato in fuga per 120 chilometri, e sarà l’uomo di punta per le tante salite che costellano il percorso del Giro.  
L’altro atleta al quarto e ultimo anno fra gli Under 23 è il toscano Tommaso Fiaschi, che in questa stagione ha vinto una gara ed è salito altre tre volte sul podio (l’ultima delle quali il 2 giugno a Fiorano, terzo). Adatto ai percorsi mossi e dotato di un buonissimo spunto veloce, punterà alle tappe.
Thomas Pesenti, parmense classe 1998, è rientrato da poco alle gare dopo un mese di stop per la frattura dello scafoide, ma ha mostrato di essere già brillante, specialmente domenica scorsa alla Coppa della Pace, nel Riminese, dove ha chiuso 19°. Il velocista del quintetto (anche se saranno rarissime le occasioni per gli sprinter) è il brianzolo Davide Ferrari (del ’99), mentre il più giovane è Matteo Domenicali, classe 2000, al primo anno nella categoria. Scalatore romagnolo, in questa prima parte di stagione ha dimostrato doti (fra cui grinta e determinazione) che gli saranno utili lungo le tante salite previste.

Il Giro Under 23 sarà una grande esperienza per i nostri ragazzi – spiega il team manager Stefano Chiari -, che stanno affrontando un percorso di crescita a metà fra il mondo dei Dilettanti e quello dei professionisti, nel quale le gare a tappe hanno una grande importanza. Il percorso di questo Giro è particolarmente severo, noi lo affronteremo pensando ad una tappa per volta, con quella grinta e quella determinazione che in eventi come questo non possono mancare e con la voglia di metterci in mostra: sia da parte dei ragazzi, sia ragionando come squadra, per promuovere il nostro progetto di squadra Continental che punta sui giovani”.

IL PERCORSO
Dieci le frazioni (un prologo e nove tappe), con tantissima salita. La prima metà del Giro avrà come scenario gli Appennini di Romagna e Toscana (la quarta tappa si conclude sul Monte Amiata), poi saranno le Alpi a prendersi la scena. La quinta frazione (che parte da Sorbolo, nel Parmense) si conclude al Passo Maniva, mentre la successiva, con partenza e arrivo ad Aprica, prevede addirittura per due volte la scalata del Mortirolo, mentre l’ultima è una frazione di soli 35 km, con arrivo al Passo Fedaia.

Giovedì 13 giugno, prologo, Riccione-Riccione, 3.6 km
Venerdì 14 giugno, 1a tappa, Riccione-Santa Sofia, 143.2 km
Sabato 15 giugno, 2a tappa, Bagno di Romagna-Pescia, 173 km
Domenica 16 giugno, 3a tappa, Sesto Fiorentino-Gaiole in Chianti, 145.5 km
Lunedì 17 giugno, 4a tappa, Buonconvento-Monte Amiata, 163.7 km
Martedì 18 giugno, giorno di riposo
Mercoledì 19 giugno, 5a tappa, Sorbolo Mezzani-Passo Maniva, 155.2 km
Giovedì 20 giugno, 6a tappa, Aprica-Aprica, 94.8 km
Venerdì 21 giugno, 7a tappa, Dimaro Folgarida-Levico Terme, 119.9 km
Sabato 22 giugno, 8a tappa, Rosà-Falcade, 134.2 km
Domenica 23 giugno, 9a tappa, Agordo-Passo Fedaia, 35.8 km

TV E STREAMING:
La gara, a parte il prologo, sarà trasmessa in differita (ultima tappa in diretta) dalla piattaforma PMG, sulla pagina Facebook PMG Sport e sul circuito di siti web collegati. In televisione invece, il Giro d’Italia Under 23 andrà in onda su Raisport, anche in questo caso in differita. 

GLI ATLETI AL VIA:
Sebastian Castaño, nato a Tamesis (Colombia) il 12 maggio 1997, vive a Itaguì ed è al quarto anno fra gli Under 23. Scalatore puro che predilige le salite lunghe.
Matteo Domenicali, nato a Imola (Bologna) il 20 ottobre 2000, risiede a Castel Bolognese (Ravenna). Al primo anno fra gli Under 23, è uno scalatore puro.
Davide Ferrari, nato l’8 settembre 1999 a Monza, risiede a Lissone (Monza Brianza). È un velocista al secondo anno nella categoria.
Tommaso Fiaschi, nato a Poggibonsi (Siena) il 22 giugno 1997, vive a Poggibonsi (Siena). Al quarto e ultimo anno fra gli Under 23, predilige i percorsi mossi ed è dotato di un buono spunto veloce.
Thomas Pesenti, nato a Fidenza (Parma) il 16 ottobre 1999, vive a Fontanellato, nel Parmense. Al secondo anno fra gli Under 23, è un corridore sostanzialmente completo, adatto alle gare di un giorno.